Pubblicato il Lascia un commento

Abbiamo testato una Drysuit Aliexpress !

Per chi pratica sport d’acqua come il kayak, il rafting, il SUP, il canyoning e la vela, l’indumento preferito è sicuramente la tuta stagna. Questa soluzione ideale permette di rimanere asciutti in qualsiasi condizione, aumentando notevolmente la sicurezza.

Lavorando in Sandiline, posso affermare che la produzione di una tuta stagna richiede molte ore di lavoro (circa 7). Ogni tuta viene testata pezzo per pezzo per garantire una tenuta perfetta.

Inoltre, per produrre una buona drysuit, è fondamentale studiare un taglio che sia sia performante che comodo. I materiali utilizzati devono essere di alta qualità per assicurare resistenza e comfort.

Non da meno, la realizzazione di un prodotto eccellente richiede una pianificazione precisa di ogni fase di produzione, con un controllo meticoloso su ogni processo. Questo è l’unico modo per garantire un lavoro di alta qualità. Nel mondo ci sono pochissime aziende in grado di fare questo.

Abbiamo acquistato una drysuit su AliExpress e l’abbiamo sottoposta allo stesso test di tenuta utilizzato per le drysuit Sandiline. Il risultato è stato estremamente sorprendente, superando ogni aspettativa.

Una drysuit di buona qualità ha un prezzo che va dai 500€ in su, arrivando anche a 1400€. Senza dubbio è un prodotto costoso, ma è anche l’indumento che può causare gravi problemi se non è di buona qualità.

Ultimamente, si vedono sempre più persone che, per risparmiare, acquistano drysuit su siti cinesi come AliExpress a prezzi stracciati.

Tuttavia, ci si dovrebbe chiedere:

  • Con che tipi di materiali è realizzata?
  • Le cerniere sono certificate? Se si aprono in acqua, cosa mi succederebbe?
  • Che tipo di assistenza e garanzia ho dopo l’acquisto?

Ci sarebbero molte altre domande da porsi, ma in questo articolo ci concentriamo sull’aspetto puramente tecnico.

La Drysuit Aliexpress

Abbiamo testato nel laboratorio Sandiline una di queste drysuit perfettamente nuova, il modello identico a quello nell’immagine qui sopra, uno dei più diffusi in questo momento.

Prendendola in mano, abbiamo notato che sia il tessuto sia il neoprene utilizzato sono di scarsa qualità. Inoltre, le termosaldature sono posizionate senza una logica e senza rispettare alcuna regola costruttiva, insomma a casaccio.

Le cerniere sembrano la copia delle tedesche TIZIP, ma hanno pure fatto un errore nella copia, rendendole difficilmente termosaldabili , per non dire impossibili.

Il Test:

Abbiamo eseguito il test di tenuta identico a quello utilizzato sulle drysuit Sandiline. Il risultato è stato estremamente sorprendente, superando ogni aspettativa.

Oggettivamente, pensavo che la drysuit fosse realizzata con materiali di scarsa qualità e poco traspiranti. Tuttavia, mi aspettavo che almeno da nuova fosse impermeabile.

Risultato del test:


La drysuit perde ovunque, persino dal cursore della cerniera, una cosa veramente raccapricciante.

Dove si vedono le bolle ci sono punti di perdita, distribuiti un po’ ovunque.

Non rimane molto altro da aggiungere…


Conclusioni:

Ognuno è libero di fare ciò che vuole , ma con la sicurezza e la vita non si scherza, a voi la scelta.

Pubblicato il Lascia un commento

Nasce Claut Water Sport Center A.S.D

Dove Passione e Natura si Uniscono

Nel cuore delle maestose Dolomiti Friulane sorge un’oasi per gli amanti dell’avventura e della natura: il Claut Water Sport Center A.S.D. Fondato dall’entusiasmo e dalla passione di tre giovani amici – Marco, Simone e Fabio – questo centro rappresenta il punto d’incontro per coloro che amano immergersi nelle acque fluviali e sfidare le forze della natura.

Una Passione Condivisa

Guidati dalla loro passione per gli sport fluviali, in particolare il kayak fluviale e il canyoning, Marco, Simone e Fabio hanno dato vita a un’associazione che non solo offre corsi e attività, ma crea anche un legame speciale con il territorio circostante. Claut, con i suoi incantevoli torrenti e forre, si trasforma così in un vero e proprio paradiso per gli appassionati di avventura.

Corsi e Attività

Il Claut Water Sport Center A.S.D. si impegna a fornire ai propri soci esperienze indimenticabili, focalizzandosi sulla didattica e sulla sicurezza. Attraverso corsi di canoa, kayak e canyoning, l’associazione prepara i partecipanti tecnicamente e li accompagna in emozionanti avventure lungo le acque selvagge della regione.

Impegno Ambientale

Ma l’impegno del Claut Water Sport Center va oltre la pura avventura. Tutti i membri del direttivo sono fortemente sensibili alle questioni ambientali, impegnandosi a difendere il territorio e la natura che li circonda. Dal cambiamento climatico all’inquinamento, l’associazione si propone di sensibilizzare i propri soci, promuovendo uno stile di vita più sostenibile e rispettoso dell’ambiente.

Se sei alla ricerca di emozioni autentiche e vuoi fare parte di una comunità appassionata di avventura e natura, non cercare oltre: il Claut Water Sport Center è il luogo ideale per te. Iscriviti oggi stesso e preparati a vivere esperienze uniche, circondato dalla bellezza mozzafiato delle Dolomiti Friulane.

Per maggiori informazioni sui corsi, le attività e le iniziative dell’associazione, visita il sito web o contattali direttamente.

Pubblicato il Lascia un commento

Recensione Exo Kayak LION


LION è il nuovo kayak da torrente prodotto da Exo Kayak, l’azienda italiana leader nella produzione di imbarcazioni in polietilene.

Dopo il notevole successo della serie precedente ZION (CREEK+SLALOM), Exo Kayaks ha deciso di ampliare la sua collezione introducendo una nuova imbarcazione.


LION nasce con l’obiettivo di offrire prestazioni di alto livello unitamente a una grande maneggevolezza. Con dimensioni generose, è progettato per supportare anche i rider con un peso superiore ai 90 kg, ma resta altrettanto adatto anche per chi è più leggero e desidera rendere il suo percorso fluviale un meno impegnativo.

Progettazione:


Lion è il risultato di due anni di impegno suddivisi in due fasi distinte. Durante la prima fase, è stato realizzato un prototipo in plastica modificando una ZION CREEK L. Nella seconda fase, seguendo il metodo tipico di Exo Kayaks, è stata completamente progettata utilizzando un processo di progettazione assistita dal computer, consentendo ulteriori regolazioni e perfezionamenti. Già dai primi test del prototipo è stato evidente che la direzione intrapresa era quella giusta per raggiungere gli obiettivi prefissati, facilitando così il completamento attraverso l’uso di software dedicati.

Cosa cambia rispetto la ZION CREEK L?

Rispetto alla ZION CREEK L, la nuova LION si distingue per essere più ampia, più lunga e con un volume maggiore, rendendola ideale per affrontare anche i torrenti più impegnativi. Nonostante il suo generoso volume di 370 litri, rimane comunque un kayak maneggevole e mai goffo, grazie a una distribuzione accurata dei volumi.

Comparazione tra ZION CREEK L e LION (in basso)

Esterni:

Le cinque maniglie sono in robusta plastica con anima in metallo, perfettamente inserite nel kayak per una resistenza eccellente.

L’estremità del pozzetto ha dei fori per facilitare lo svuotamento del kayak, senza dover aprire il classico tappo di svuotamento posto in coda, inoltre ha degli scarichi sui fianchi per evitare l’effetto “piscina” attorno al pozzetto.

La parte anteriore è caratterizzata da un rocker molto pronunciato, soprattutto nella parte finale, un asso nella manica per affrontare grossi buchi con facilità.

Sempre nella parte frontale si può intravedere sullo scafo un leggero “fondo triangolare” che va a sfumarsi all’altezza del pozzetto, progettata per dare direzione al kayak con il minor sforzo possibile.

La parte posteriore si assottiglia molto sulla parte terminale della coda, soluzione che offre una maggiore manovrabilità in condizione critiche. Questa caratteristica permette inoltre di poter immergere parzialmente la coda per compiere BOOF con i fianchi inclinati, di conseguenza alzare la punta diventa più facile anche su salti particolarmente tecnici.

Interni:


La novità all’interno del kayak riguarda i cordini di regolazione dello schienale e il relativo strozzascotte, ora realizzati in alluminio. Questi dettagli migliorati rendono il kayak facile da regolare e assicurano una maggiore durata nel tempo, evitando sganci improvvisi dello schienale.

Il resto degli interni rimane molto simile ai modelli precedenti della serie ZION, con piccole modifiche apportate per adattarsi al nuovo scafo.

Come va:

LION colpisce immediatamente per la sua eccezionale stabilità sia primaria che secondaria, ma allo stesso tempo mantiene una reattività e una prontezza senza pari per affrontare qualsiasi situazione.

Fin dalle prime pagaiate, si avverte una sensazione di velocità e agilità straordinarie, unite a una stabilità impeccabile che lo distingue dai suoi concorrenti.

Il design del “fondo triangolare” anteriore si fa subito notare: basta inclinare leggermente la LION per sentirne la reattività, che si traduce in virate immediate anche a basse velocità.

Saltare sopra i buchi diventa un’operazione estremamente agevole, e la stabilità del kayak rimane costantemente elevata, garantendo sicurezza e controllo in ogni situazione.

La forma della coda consente un utilizzo versatile, soprattutto in situazioni dove è necessario immergere la parte posteriore per eseguire boof o affrontare passaggi particolarmente tecnici. Grazie a questa caratteristica, la LION offre una maggiore precisione e controllo durante tali manovre avanzate.


La LION è il kayak perfetto per principianti e esperti, adatto a tutti gli amanti del torrente. È un’imbarcazione straordinaria che unisce facilità d’uso e divertimento, rendendola ideale per chi desidera un’esperienza unica.

Dopo i nostri test, raccomandiamo la LION soprattutto a coloro che superano gli 80 kg di peso, ma è altrettanto adatta anche a chi pesa meno e ricerca un kayak senza compromessi, in grado di eccellere anche nelle situazioni più impegnative.

Vuoi provarla? Vuoi ordinarla? Contattaci all’indirizzo info@nereussport.eu.

Buone pagaiate!

Pubblicato il Lascia un commento

La nuova Muta GUIDE 2.0 Sandiline

Una nuova muta da canyoning disegnata da Sandiline, la GUIDE 2.0. Il nome già suggerisce quale sia la destinazione d’uso, le guide, o comunque chi desidera un prodotto di alto livello.

Lo sviluppo durato circa due anni ha permesso di migliorare notevolmente il modello precedente, andando a rivedere completamente il taglio, ora è ancora più confortevole, soprattutto durante le manovre in sosta.

La parte superiore permette una libertà di movimento senza precedenti grazie al nuovo taglio e ai generosi inserti in neoprene superelastico.

Anche la parte inferiore è stata rivista per migliorare il confort durante la progressione ed evitare attriti tra le cuciture.

La muta non è provvista di cappuccio integrato, in modo di avere sempre una perfetta tenuta all’acqua. Il cappuccio è però acquistabile separatamente.

I nuovi rinforzi in ROX sui gomiti e ginocchia sono di tipo ergonomico, rendendo la muta più performante e con un design accattivante. Nella zona seduta invece è presente un inserto in Neoprene Supratex, materiale resistente alle abrasioni.

La cerniera è di tipo trasversale, soluzione molto confortevole e che consente ai maschietti di fare pipì. Sul petto è stata posizionata una tasca semistagna, dotata di asola interna e foro di drenaggio, ideale per smartphone/coltello o altri dispositivi.

Tasca Semistagna

Il collo e i polsini sono realizzati in neoprene glide-skin (liscio internamente), soluzione che garantisce una tenuta ottimale all’acqua.

Polsino in neoprene Glide-Skin

Tutti i loghi della muta sono in materiale riflettente, aumentando così la sicurezza in caso di scarsa luminosità.

Caratteristiche tecniche:

  • 6.5 mm neoprene thermo(strato interno)
  • 6.5mm super-stretch neoprene sulla zona sotto spalla e inguine
  • Glide-skin neoprene su polsini e collo
  • Rinforzi in Rox su gomiti, ginocchia e seduta
  • 1-Way YKK zip con patta interna in neoprene
  • Doppie cuciture internamente e esternamente(Double blind-stitched), con incollaggio.
  • Tasca semistagna con asola e drenaggio
  • Loghi riflettenti

Conclusioni:

La nuova GUIDE 2.0 è una muta ben fatta, destinata a chi vuole un prodotto di elevata qualità e senza compromessi. Un prodotto sinonimo di protezione, sicurezza, comodità, resistenza.

Ci si vede in acqua!

Pubblicato il Lascia un commento

La tuta stagna per tutti?

In questi ultimi anni i prezzi sono aumentati notevolmente, anche nel nostro settore. Le tute stagne per il kayak facilmente oltrepassano la soglia dei mille euro, ma qualcuno ha pensato a una buona alternativa.

L’ azienda Slovena Sandiline per contrastare questa inflazione ha creato una nuova linea “ADVANCED“, prodotti di altissima qualità ma con un prezzo molto competitivo. Per rendere ciò possibile i prodotti sono stati leggermente semplificati ed è stato utilizzato un nuovo tessuto 3L, più economico del 4L della serie Sandiline Extreme ma con caratteristiche tecniche molto simili. Inoltre questo tessuto risulta più morbido e confortevole.

In questo articolo tratterò solo dell’ultimo prodotto della linea, ovvero la nuova Drysuit SANDILINE ADVANCED

Caratteristiche tecniche:

  • Tessuto traspirante e impermeabile a 3 strati
  • Impermeabilità 20.000mm
  • Traspirabilità 6.000 g/sqm/24h
  • Cuciture termosaldate
  • Cerniera TiZip masterseal
  • Doppi polsini (lattice + neoprene)
  • Doppio collo (neoprene pimaskin + neoprene)
  • Rinforzi in Cordura (zona seduta,gomiti)
  • Loghi e inserti riflettenti
  • Doppio tubo regolabile con fasce elastiche YKK

Descrizione:

La nuova Sandiline Kayak Suit Advanced è stata disegnata per il massimo delle performance nel kayak e tutte le discipline d’acqua bianca quali rafting e freestyle. In realtà questa tuta stagna diventa particolarmente indicata anche per il soccorso fluviale, sup, canynoning.
La Drysuit è prodotta con un tessuto trilaminato impermeabile e traspirante, per la massima robustezza sono presenti sulla zona gomiti e zona seduta dei rinforzi in Cordura.
Il nuovo taglio garantisce una libertà dei movimenti senza eguali, inoltre evita attriti del tessuto e ne consegue una maggior durata nel tempo. La cerniera stagna è stagna posizionata nella zona del petto, esattamente come avviene nella sorella maggiore “BLACK EDITION“, soluzione che consente un comodo utilizzo anche se si è da soli, oltre ad avere un miglior confort generale durante l’attività. I polsini sono doppi lattice/neoprene mentre il collo è doppio in neoprene Primaskin/neoprene, soluzione che migliora il confort e la durata nel tempo del collo. I loghi e gli inserti in prossimità degli scarichi dell’acqua sono prodotti con materiale riflettente, per garantire maggiore sicurezza in caso di scarsa luminosità. Sarà disponibile sia nella colorazione nero/blu che nero/rosso/giallo

Il prezzo di lancio della nuova Drysuit Advanced Sandiline è di soli 690€

Drysuit Advanced Sandiline

Ma quali sono i difetti?

L’unica vera mancanza che ha questa tuta stagna è la cerniera per fare pipì, ma questa è una scelta ponderata per mantenere basso il prezzo, avendo inoltre il vantaggio di diventare una tuta stagna unisex. Se fosse necessario Sandiline è sempre a disposizione per aggiungere una cerniera opzionale, il prezzo è di circa 120€.

Conclusione:

Questa nuova Drysuit Advanced Sandiline è sicuramente una valida alternativa per chi vuole un prodotto di alta qualità ad un prezzo contenuto!

Buone pagaiate!